Ricerca
 
Registrazione  - Login

VSSU Campus

Novità: organo di mediazione dell’AISS per l’ambito CCL / CoPa Sicurezza e altre questioni giuridiche dal 1° gennaio 2018

Come comunicato alla 21° Assemblea generale ordinaria del 20 giugno 2017, l’AISS ha elaborato le basi e i contenuti per la creazione di un ombudsman del settore dei servizi di sicurezza, attivo operativamente per l’ambito CCL / CoPa Sicurezza e altre questioni giuridiche. Questa innovazione dell’AISS corrisponde ad una tradizione giuridica nata fin dagli anni '70 che consiste nell’istituire anche nell’economia privata degli organi di mediazione per determinate controversie.

Qual è il compito dell’ombudsman dell’AISS?

L’ombudsman dell’AISS deve consigliare i membri dell’AISS principalmente nel settore CCL / CoPa Sicurezza e in secondo luogo anche in altre questioni giuridiche relative al diritto delle obbligazioni (CO) e alla legge sul lavoro (LL) e provvedere all’occorrenza anche ad una intermediazione. Esso deve aiutare ad evitare costosi processi e ricorsi nell’ambito sia del diritto civile che pubblico e soprattutto riconoscere tempestivamente i casi problematici, ad esempio riguardo all’interpretazione del CCL in vigore e dichiarato di carattere obbligatorio generale.  L’ombudsman non è un rappresentante delle parti e non deve quindi essere confuso con un avvocato. L’ombudsman dell’AISS assolve quindi per le imprese di servizi di sicurezza private dell’AISS il compito di un mediatore imparziale.

Nella sua funzione l’ombudsman deve aiutare anche a risolvere controversie senza grande onere burocratico, ad esempio mediante

•           una considerazione indipendente della controversia,

•           la valutazione degli argomenti adotti da entrambe le parti,

•           il confronto di danno, onere e fattori di costo,

•           il raggiungimento di una soluzione soddisfacente

•           oppure il pronunciamento di una soluzione consigliata per il caso in questione.

 

L’ombudsman decide per conto proprio se e in quale misura attivarsi in aggiunta alla consulenza. Le attività a favore del membro richiedente dell’AISS vengono fornite dall’ombudsman sempre d’intesa con l’impresa. Il membro AISS non ha però la facoltà di dare all’ombudsman alcun tipo di disposizione vincolante in riferimento al suo compito e alla sua attività. Inoltre l’ombudsman non si assume alcuna responsabilità. Viene esclusa esplicitamente qualsiasi responsabilità da parte dell’ombudsman o dell’AISS di qualunque natura sia.

Chi può rivolgersi all’ombudsman?

Ogni membro dell’AISS ha la possibilità di rivolgersi all’ombudsman, senza che ne consegua un diritto a prestazioni di quest’ultimo.

L’ombudsman è tenuto alla riservatezza nello svolgimento della sua attività?

L’ombudsman è tenuto all’obbligo del segreto. Solo dopo essere stato esplicitamente sollevato da questo obbligo, egli può rivolgersi nel caso concreto a terzi.

 

 

Cos’è importante quando si fa una segnalazione all’ombudsman dell’AISS?

È importante che la segnalazione avvenga in buona fede e che contenga gli elementi essenziali della fattispecie. Accuse che vengono sollevate solo allo scopo di diffamare qualcuno non portano ad alcun obiettivo.

Le imprese che si rivolgono all’ombudsman devono sostenere dei costi?

Per principio l’ombudsman deve essere a disposizione di tutti i membri. Se l’impegno rimane entro limiti consueti, le sue prestazioni sono generalmente gratuite per le imprese. Soprattutto in caso di impegno notevole o di frequente ricorso da parte della medesima impresa, l’ombudsman può richiedere per le sue prestazioni anche una partecipazione forfettaria ai costi. Questo deve essere comunicato anticipatamente e concordato tra l’ombudsman e l’impresa AISS che si avvale del suo servizio.

Chi è il nuovo ombudsman dell’AISS?

Conformemente alle direttive del comitato dell’AISS è previsto come ombudsman una persona indipendente che parli tre lingue che sia già nota a livello nazionale nel settore dei servizi di sicurezza e in particolare presso i partner sociali del settore dei servizi di sicurezza.

Dr. iur. utr. M.A. Roy Kunz

Alte Landstrasse 13

CH-6314 Unterägeri

 

Legal Counsel & Security Manager

Tel.:         + 41 41 750 51 72

Fax:         + 41 41 750 51 73

Mobile:     + 41 78 746 67 30

roy.kunz@bluewin.ch

 

Roy Kunz è stato pubblico ministero, giudice istruttore e fino al pensionamento comandante di polizia cantonale. Oggi è titolare della ditta Dr. Roy Kunz & Partner nel Canton Zugo e membro di lunga data della CoPa Sicurezza, carica che rivestirà ancora fino alla fine del 2017. Egli è stato per molti anni istruttore per materie giuridiche presso la Scuola professionale svizzera di sicurezza (SBSS) a Hitzkirch e Losanna. Nell’esercito riveste il rango di colonnello.